ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Seconda sfida Tv, testa a testa Cameron - Clegg

Lettura in corso:

Seconda sfida Tv, testa a testa Cameron - Clegg

Dimensioni di testo Aa Aa

Il liberaldemocratico Nick Clegg contende al conservatore David Cameron lo scettro di vincitore del secondo dibattito televisivo in onda ieri sera nel Regno Unito. Clegg non ha stravinto, ma ha ben amministrato il vantaggio. Il labourista Gordon Brown ha messo a segno qualche affondo ma continua ad arrancare nel gradimento. I tre candidati si sono misurati sulla politica estera in vista delle politiche del sei maggio. Serrata la contrapposizione sul futuro in Europa.

Per Cameron il Regno Unito deve stare nell’Unione europea ma con i conservatori non entrerà nell’euro. Il laeder dei Tory ha inoltre sottolineato la necessità di rinegoziare accordi più convenienti e spingerla a ridurre l’apparato burocratico. “Bisogna stare in Europa ma senza esserne guidati” – ha detto il leader conservatore.

Provoca qualche scintilla la risposta del liberaldemocratico Nick Clegg, che accusa di scarsa credibilità i conservatori che a Bruxelles hanno lasciato il PPE per allearsi – dice – “con un gruppo di eccentrici, antisemiti, con chi nega i cambiamenti climatici, gli omofobi”. Per Clegg il Regno Unito deve stare fino in fondo in Europa, euro compreso, e starci da leader.

Gordon Brown, candidato del Labour:
“Sapete chi mi ricordano questi due? Mi ricordano due bambini litigiosi all’ora del bagnetto”.

Durante il dibattito è sembrata emergere una tacita allenza contro Cameron tra Clegg e Brown. Anche se poi quest’ultimo ha definito il leader conservatore un rischio per l’economia e Clegg un rischio per il paese a causa della sua politica sulla sicurezza.