ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

GB, testa a testa tra i 3 candidati

Lettura in corso:

GB, testa a testa tra i 3 candidati

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ una corsa a tre, dove tutti i contendenti hanno la possibilità di vincere. E’ questo il responso del secondo confronto televisivo tra i leader candidati alle elezioni britanniche del 6 maggio. Un consenso compreso, secondo i sondaggi, tra il 27 e il 32 per cento per i tre partiti in lizza e il sistema elettorale favorevole a chi detiene attualmente il potere non forniscono uno scenario sicuro; col premier laburista Brown, il leader conservatore Cameron e quello liberaldemocratico Clegg che hanno praticamente le medesime chances.
“I conservatori stanno facendo sicuramente meglio di 5 anni fa- dice l’analista Gideon Skinner -, ma non abbastanza per garantirsi una maggioranza netta, quindi la soluzione più probabile oggi è quella di un ‘hung parliament’”.

Cioè di un parlamento sospeso, senza una formazione di maggioranza assoluta. A quel punto, tutto potrebbe diventare possibile: Cameron premier, oppure Brown potrebbe conservare la carica di primo ministro, ma entrambi avrebbero bisogno dell’appoggio di Clegg. In ogni caso, i liberaldemocratici diventerebbero l’ago della bilancia. La loro posizione europeista potrebbe contare nella politica britannica dei prossimi 5 anni.