ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La biodiversità in pericolo

Lettura in corso:

La biodiversità in pericolo

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel 2001 l’Unione europea si era impegnata a bloccare la biodiversità sul continente entro il 2010. Nonostante gli sforzi l’obiettivo non è stato raggiunto? Perché?

La biodiversità é la natura sotto tutti gli aspetti, l’insieme dell’ ecosistema formato non solo dai vegetali, gli animali e i microrganismi, ma anche i geni delle speci e i legami che li uniscono.
Una diversità che sta scomparendo.

In tutta Europa il 42% dei mammiferi sono minacciati, il 15% dei volatili e il 52% dei pesci d’acqua dolce. Per quanto concerne la flora mille speci di vegetali sarebbero molto minacciate o sul punto di scomparire.

In causa il deterioramento dell’habitat naturale sotto pressione a causa delle attività umane, dell’introduzione di speci predatrici o anche del cambiamento climatico.

Di qui la creazione di Natura 2000, un insieme di zone naturali protette che copre il 17% della superficie dell’Unione europea. Ad esempio la riserva Luitemaa in Estonia è un successo della politica cominitaria in materia.
Nonostante cio’ gli interessi economici hanno ancora la meglio sulla protezione delle speci protette.

A Doha i 27 paesi dell’Unione non sono riusciti a fare interdire il commercio internazionale del tonno rosso molto apprezzato dagli amatori di sashimi.

Dopo il fallimento del vertice di Copenhagen l’ecologia stenta a suscitare l’interesse. Intolata la biodiversità ci tocca tutti da vicino la campagna d’informazione è stata lanciata il 9 aprile a Bruxelles. Obiettivo: sensibilizzare l’opinione pubblica alla necessità di rispettare la natura.
Un compito arduo. Secondo un sondaggio Eurobarometro il 34% degli Europei non ha mai sentito parlare di biodiversità

Per saperne di piu0 un numero verde e un sito sono a vostra disposizione