ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Europa riapre i cieli

Lettura in corso:

L'Europa riapre i cieli

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa restringe l’area nella quale sarà vietato volare a causa della nube vulcanica che proviene dall’Islanda. I ministri dei Trasporti dell’Unione si sono confrontati in videoconferenza e hanno deciso di allentare i divieti.

Alla base dell’intesa c’e’ la suddivisione dello spazio aereo in tre zone: quella ad alto rischio, ‘off-limits’ per i voli; quella dove sono presenti polveri o ceneri, che dovrebbero essere classificate e quindi essere aperte o chiuse al traffico in base a dati scientifici; quelle completamente aperte al traffico aereo perche’ prive di polveri.

Una forte pressione per una riapertura dei cieli europei è stata esercitata in questi giorni dalle compagnie aeree.

“L’Europa ha combinato un pasticcio – afferma Giovanni Bisignani direttore generale della IATA – non si è basata su fatti scientifici, non ha avuto un approccio matematico al problema. Avrebbe dovuto effettuare dei test e su quelle basi prendere delle decisioni”.

La IATA, l’associazione internazionale del trasporto aereo ha calcolato in 150 milioni di euro al giorno le perdite causate dalla nube

Molti paesi europei hanno già annunciato la riapertura per domani dei rispettivi spazi aerei per consentire alle migliaia di passeggeri bloccati da giorni di poter raggiungere le rispettive destinazioni.