ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La nube vulcanica fa la fortuna dei mezzi di trasporto alternativi

Lettura in corso:

La nube vulcanica fa la fortuna dei mezzi di trasporto alternativi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il blocco degli aerei fa scattare il “piano B” per migliaia di passeggeri delusi: macchine, auto, taxi, battelli, qualunque mezzo pur di tornare a casa.

La nuvola di cenere venuta dall’Islanda fa ringraziare il cielo alle agenzie di autonoleggio, ai tassisti, come quelli che hanno accompagnato l’attore britannico dell’ex Monthy Python da Oslo a Bruxelles. Costo, 4 mila euro. Ad altri è andata meglio:

-“Il nostro volo è stato sospeso fino a venerdì prossimo, quindi abbiamo deciso di affittare una macchina e continuare le nostre ferie. Saranno in totale tre settimane, invece dovevamo partire per 10 giorni”.
-“Abbiamo noleggiato una macchina a Madrid per andare in un’altra città spagnola, non ricordo più il nome, da lì abbiamo preso un taxi per Biarritz e da Biarritz abbiamo affittato un’altra macchina per arrivare a Parigi. Siamo arrivati questa mattina alle otto”.

La stazione marittima di Calais è presa d’assalto da mercoledì per passare oltremanica. 7 mila passeggeri sono partiti questo sabato per raggiungere il Regno Unito. Ognuno ha le sue ragioni:

-“Mia sorella è in ospedale e sta per partorire, quindi era urgente che tornassi, per questo sto prendendo la nave”.
-“Dovevamo prendere un aereo, ma non è stato possibile, quindi dobbiamo andare da Calais a Lille, poi a Bruxelles, quindi prendere un autobus per l’Italia”.

Anche le ferrovie sono al collasso. In Francia la SNCF ha aggiunto vari treni sulle tratte internazionali e otto Eurostar, raddoppiando anche il numero dei vagoni.