ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Omicidio Bhutto: Onu accusa Islamabad

Lettura in corso:

Omicidio Bhutto: Onu accusa Islamabad

Dimensioni di testo Aa Aa

Benazir Bhutto poteva essere salvata ma le autorità pakistane non l’hanno protetta, non hanno indagato correttamente sul suo omicidio avvenuto il 27 dicembre 2007 e hanno ostacolato l’inchiesta delle Nazioni Unite.

E’ senza appello il rapporto della commissione Onu: 65 pagine di indagini sull’assassinio della leader dell’opposizione pakistana.

Il responsabile della commissione, Heraldo Munoz, ambasciatore cileno alle Nazioni Unite, non usa giri di parole.

“Le autorità pakistane hanno precise responsabilità: non hanno condotto un’inchiesta sull’omicidio di Benazir Bhutto, tale da determinare chi abbia concepito, pianificato, finanziato ed eseguito questo crimine e tale da consegnare i responsabili alla giustizia”.

Due volte Primo Ministro pakistano, Benazir Bhutto fu assassinata al suo rientro in patria dall’esilio, in un attacco suicida al termine di un suo comizio a Rawalpindi. Gli attentatori, dopo averle sparato, fecero esplodere una carica vicino all’ingresso principale del luogo dove si erano radunate migliaia di persone per assistere al comizio.

La commissione dell’Onu accusa il Pakistan di non aver eseguito l’autopsia sul corpo e di non aver effettuato i rilievi sul luogo dell’omicidio.