ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Clegg stravince primo faccia a faccia tv britannico

Lettura in corso:

Clegg stravince primo faccia a faccia tv britannico

Dimensioni di testo Aa Aa

Tutti lo davano come potenziale ago della bilancia. Ma per ora, almeno sullo schermo, Nick Clegg sembra il pezzo da 90 delle prossime elezioni in Gran Bretagna. Nel primo confronto televisivo della storia del Regno Unito, il leader liberal-democratico ha di gran lunga suscitato il maggior consenso nei telespettatori secondo i sondaggi.

“Per una volta sarebbe bene che i politici mettessero da parte le differenze politiche per cercare soluzioni d’interesse generale” ha detto Clegg. “Abbiamo tutti idee differenti, ciascuno di noi dà il suo contributo. David Cameron vuole aiutare alcuni, ma non li aiuta nelle loro case. Gordon Brown va verso gli aiuti ai più poveri ma trascura altre fascie. Perché, per una volta, non facciamo qualcosa di più grande dei singoli partiti: lavorare assieme”.

L’economia al centro del dibattito. Tema sul quale ha insistito anche il candidato conservatore David Cameron:

“Tassare il lavoro uccide il lavoro, la crescita, l’economia. Credo che dobbiamo far sparire la nube scura del deficit che aleggia sulla nostra economia e dobbiamo farlo subito, quest’anno, per evitare di pagare questa tassa il prossimo anno. Solo così potremo andare avanti e liberarci del debito”.

Il Premier uscente Gordon Brown ha riscosso il minor consenso: 19% rispetto al 29% di Cameron e al 51% di Clegg. Brown ha sostanzialmente difeso l’operato del governo laburista:

“I rischi per l’economia sono quest’anno. Tutti i Paesi, dall’America all’Europa, dicono che dobbiamo investire nell’economia quest’anno per stimolare la crescita di cui abbiamo bisogno. Ora, togliere denaro – e voi l’avete proposto a più riprese durante la recessione – significa tarpare la crescita, avere meno lavoro, prosciugare le finanze. Potrà spaventare, ma dobbiamo invece assumerci la responsabilità dell’andamento economico”.

Il 22 e il 29 aprile prossimi due nuovi faccia a faccia. Poi una settimana di riflessione prima del voto che si terrà il 6 maggio.