ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cipro del Nord: la destra conservatrice data favorita

Lettura in corso:

Cipro del Nord: la destra conservatrice data favorita

Dimensioni di testo Aa Aa

Strette di mano che guardano lontano.

L’attuale leader turco-cipriota ha incontrato il presidente cipriota Demetris Christofias a più riprese nel corso degli ultimi mesi.

Un atteggiamento positivo e vòlto a perseguire la riunificazione. Ma per il momento non è bastato.

Niyazi Kizilyürek, dell’Università di Cipro:

I due leader si sono incontrati per più di 70 volte nell’ultimo anno e mezzo e hanno fatto progressi in molti settori, ma ci sono ancora molte differenze.

Insieme, lo scorso 29 marzo, hanno inaugurato la costruzione di una nuova strada che collegherà le due parti dell’isola.

Christofias ha augurato a Talat buona campagna elettorale, ma ha precisato che non si presenterà alle presidenziali del 2013, se Talat non sarà rieletto.

La fine del cantiere della nuova strada potrebbe non coincidere con la fine del conflitto cipriota. A confronto: due visioni politiche distanti.

Niyazi Kizilyürek: Abbiamo due concezioni diversi, la parte greco-cipriota vuole un governo centrale forte e federale mentre la parte turco-cipriota sta negoziando a favore di uno stato federale più flessibile. Queste due visioni rendono difficile arrivare a una rapida soluzione.

L’isola è divisa dal 1974, anno in cui la Turchia invase la parte settentrionale in risposta al colpo di stato organizzato dai nazionalisti greco-ciprioti, con il sostegno di Atene. Circa 150 mila greco-cirpioti furono costretti a abbandonare la propria abitazione.

L’autoproclamata repubblica di Cipro del Nord è riconosciuta a livello internazionale solo dalla Turchia.

Talat, eletto già nel 2005, oggi deve fare i conti con la crisi economica e con negoziati di pace maratona che per il momento non hanno dato i risultati sperati.

Impasse che gioca a favore del suo rivale Dervis Eroglu, leader del partito conservatore “Unità nazionale”, che si batte per un accordo che preveda due stati, opzione respinta dai greco-ciprioti favorevoli alla riunificazione di tipo federale.