ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La nuova era energetica parte da Spagna e Francia

Lettura in corso:

La nuova era energetica parte da Spagna e Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

Dalla Spagna il sole e dalla Francia il vento per ridurre le emissioni di CO2 in Europa.

I due Paesi diventeranno i pilastri della nuova strategia energetica che sostituirà petrolio, gas e carbone entro il 2050. Così recita un rapporto della Fondazione europea per il Clima, presentato martedì a Bruxelles.

Dalla Spagna arriverà anche l’energia solare prodotta nei Paesi del nord Africa, mentre la Francia rivestirà un doppio ruolo: di produttrice di energia eolica e vista la sua posizione centrale, diventerà il centro di snodo dell’energia in tutta Europa.

A Bruxelles il rapporto è stato dato ai commissari europei responsabili dei dossier.

Jules Kortenhorst della Fondazione europea per il clima:

“Da un lato puntiamo per il futuro a un’energia pulita e affidabile, e dall’altro un’energia economicamente sostenibile, che consenta all’Europa di crescere ancora”.

Parlando dei Paesi del Nord d’Africa, Teresa Ribera, sgretario di Stato per i cambiamenti climatici, ha dichiarato:

“Avremo la capacità di migliorare, allargare e costruire alleanze tecnologiche con Paesi terzi, più forti, in termini di potenzialità, dell’Europa che del rifornimento energetico hanno fatto una sfida”.

Se la Spagna è molto favorevole al progetto, la Francia `si dimostra più restia. Nessuno dei grandi attori del settore energitico d’Oltralpe ha partecipato alla realizzazione del rapporto.