ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria, stravincono conservatori, avanza estrema destra

Lettura in corso:

Ungheria, stravincono conservatori, avanza estrema destra

Dimensioni di testo Aa Aa

Se la vittoria dei conservatori di Viktor Orban alle politiche ungheresi era annunciata, a segnare questa tornata elettorale è stata soprattutto l’avanzata di Jobbik, l’estrema destra.

Il Partito Fidesz dell’ex Primo ministro ha ottenuto una maggioranza schiacciante lasciandosi ampiamente alle spalle i socialisti rimasti 8 anni al governo.

Col 52,77% delle preferenze Fidesz diventa il primo partito nel Paese. Batosta per i socialisti fermi al 19,29%. Ma l’exploit è quello della destra xenofoba del partito Jobbik: col 16,71% entra per la prima volta in Parlamento.

Il candidato socialista Attial Mesterhazy deve addossarsi un’autentica disfatta rispetto alle politiche del 2006 che avevano dato quasi il 50% delle preferenze al partito.

Jobbik, che significa “i migliori”, è invece la forza politica dall’ascesa folgorante: nato appena 7 anni fa il partito d’estrema destra diventa il terzo in Ungheria.

Il sistema elettorale, misto proporzionale e maggioritario, permette di delineare già la formazione di una chiara maggioranza di governo. Il 25 aprile si terrà un secondo turno per assegnare i seggi in cui nessun candidato ha avuto la maggioranza assoluta. Il partito di Orban otterrà verosimilmente più dei due terzi dei seggi in Parlamento.