ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Regno Unito: la sfida di Tories e LibDem a Gordon Brown

Lettura in corso:

Regno Unito: la sfida di Tories e LibDem a Gordon Brown

Dimensioni di testo Aa Aa

Una politica delle “grandi idee”, in favore degli “esclusi”, che affidi il Regno Unito all’unico partito in grado di traghettarlo fuori dalla crisi economica. All’annuncio della data delle elezioni, il leader dei Tories David Cameron lancia la sfida al premier Gordon Brown e sottolinea la portata dell’appuntamento: “Sono in gioco il futuro della nostra economia – dice -, il futuro della nostra società e il futuro del nostro paese. Sono le elezioni più importanti da una generazione a questa parte”.

Terzo incomodo nel braccio di ferro tra Brown e Cameron, il leader dei LibDem Nick Clegg. Suo obiettivo dichiarato: intercettare il voto degli scontenti, proponendosi come rappresentante dell’unica forza nuova del panorama politico. “La vera scelta – dice Clegg – è fra la vecchia politica di laburisti e conservatori e qualcosa di diverso e di nuovo. Ed è quanto offriamo noi. Questa volta abbiamo davvero bisogno di un cambiamento”.

Variabile impazzita nella corsa a due fra labour e conservatori, il ruolo determinante che i liberaldemocratici potrebbero trovarsi a giocare. A favorirli l’eventualità di un “hung parliament”: un parlamento in cui nessun partito si affermi come maggioritario. Scenario rilanciato soprattutto dal variabile margine di vantaggio, riconosciuto ai Tories dai più recenti sondaggi.