ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terreblanche, il "difensore" dell'apartheid

Lettura in corso:

Terreblanche, il "difensore" dell'apartheid

Dimensioni di testo Aa Aa

La notizia dell’uccisione di Terreblanche occupa le prime pagine dei quotidiani sudafricani. Nonostante di lui in tanti ricordino le azioni violente, qualcuno, a Johannesburg, rimane incredulo di fronte a quanto accaduto. Terreblanche è stato uno dei più feroci oppositori dell’uguaglianza tra bianchi e neri e ha sempre ispirato la sua azione politica ai principi della supremazia bianca.

69 anni, aveva fondato l’AWB, il movimento di resistenza Afrikaaner nel 1972, con lo scopo di proteggere i diritti dei discendenti dei boeri. Negli ultimi anni aveva mantenuto un basso profilo, sostenendo di avere mitigato le proprie convinzioni. Ma nella memoria collettiva restano impresse le immagini del simbolo del partito, simile alla swastica, e gli inni in stile neo-nazista.