ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hiv, bambini contagiati in ospedale in Uzbekistan

Lettura in corso:

Hiv, bambini contagiati in ospedale in Uzbekistan

Dimensioni di testo Aa Aa

150 bambini infettati dall’Aids. Un’inchiesta giornalistica in Uzbekistan getta luce sulla drammatica realtà della sanità nel Paese. Sono almeno 14 i bambini deceduti nell’ospedale della città di Namangan, nell’Est del Paese, tra il 2007 e il 2008. Il procuratore regionale Bakhtier Shodmonov:

“La situazione deriva dal fatto che molti dottori e infermieri non lavorano in modo responsabile, le misure sanitarie non vengono rispettate, non si prendono precauzioni epidemiologiche”.

L’inchiesta ha portato all’arresto di 12 tra medici e personale medico. Tutto è nato da un reportage del quotidiano on-line ‘www.ferghana.ru’.

“Oggi negli ospedali di Namangan, Andjizhan e altre città della valle Farghana, lo scenario è lo stesso” dice il caporedattore. “Negligenze igieniche e non rispetto delle misure mediche”.

L’Uzbekistan ha uno dei più alti tassi di contagio da Hiv al mondo. Povertà, tossicodipendenza e prostituzione contribuiscono alla diffusione del virus.