ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgrado si scusa per Srebrenica

Lettura in corso:

Belgrado si scusa per Srebrenica

Dimensioni di testo Aa Aa

A 15 anni da Srebrenica, la Serbia condanna ufficialmente uno dei peggiori massacri della guerra in Bosnia. Il Parlamento di Belgrado ha votato un documento con il quale il Paese rende omaggio alle vittime musulmane e porge le scuse per quelle atrocità.

Una discussione fiume di oltre 13 ore tra i banchi del Parlamento a dimostrare quanto ancora pesino le divisioni sul recente, sanguinoso passato dell’ex Jugoslavia.

Tanto che fuori dall’aula una piccola manifestazione ha contestato l’adozione del testo. I partecipanti esponevano cartelli che inneggiavano al leader dei serbi di Bosnia Radovan Karadzic e al generale Ratko Mladic. Quello del Parlamento serbo è stato un gesto altamente simbolico portato a termine nello spirito di avvicinamento della Serbia all’Unione Europea. Ma è proprio l’arresto di Mladic, tutt’ora latitante, a rappresentare il più grosso ostacolo per Belgrado.

Nel luglio 1995 8.000 musulmani furono trucidati dalle truppe della Republika Srpska.