ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rabbia e paura tra i moscoviti

Lettura in corso:

Rabbia e paura tra i moscoviti

Dimensioni di testo Aa Aa

Rabbia, paura, stoicismo. Sono le tante reazioni dei moscoviti agli attentati che hanno colpito di nuovo la metropolitana della capitale. Traffico, tariffe dei taxi raddoppiate, linee telefoniche intasate, è lo scenario che si sono trovati di fronte i pendolari. E la paura di non essere al sicuro:

“Credo sia una vergogna”,dice una residente. “Abbiamo paura e non siamo protetti”.

Rafforzate le misure di sicurezza nella città, che aveva vissuto anni di calma relativa. Alcuni testimoni descrivono un clima quasi da guerra:

“E’ ovvio che sono spaventata”, afferma un’altra moscovita, “ma viviamo a Mosca, è come star seduti su una polveriera, dobbiamo restare calmi”.

E’ ripresa a funzionare normalmente la linea rossa, quella sui cui si trovano le due stazioni colpite e che passa vicino al Cremlino. Era stata in parte chiusa mentre ritardi aevavano interessato le altre linee.