ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Haiti. Rito voodoo. Mercoledì i donatori all'ONU

Lettura in corso:

Haiti. Rito voodoo. Mercoledì i donatori all'ONU

Dimensioni di testo Aa Aa

Vestiti bianchi, copricapi neri, formule incantatorie. Ad Haiti diverse centinaia di persone hanno partecipato al primo rito voodoo collettivo del dopo terremoto. Più della metà dei circa 10 milioni di haitiani è adepta di questo culto portato sull’isola caraibica dagli schiavi originari dell’Africa occidentale. I fedeli si immergono per onorare e pacificare le anime che, dopo il decesso, riprenderebbero a vivere in un altro mondo subacqueo.
 
Il sisma del 12 gennaio ha provocato almeno 300 mila morti e il capo della religione voodoo ha polemizzato con il governo per la decisione di seppellire sbrigativamente le salme in fosse comuni senza i necessari riti di purificazione. Una situazione che, temono molti fedeli, potrebbe favorire una sorta di ritorno dei morti viventi, visto che il voodoo ritiene possibile la trasformazione dei cadaveri in zombi.
 
Intanto l’ONU pensa ai vivi. Mercoledì è prevista al Palazzo di vetro la conferenza dei donatori che ha l’obiettivo di raccogliere l’equivalente di oltre 2 miliardi di euro.