ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Amministrative italiane: secondo e ultimo giorno

Lettura in corso:

Amministrative italiane: secondo e ultimo giorno

Dimensioni di testo Aa Aa

Con un netto calo dell’affluenza, le amministrative italiane entrano nel secondo e ultimo giorno di voto. Ieri alle urne si è recato poco più del 46 percento degli oltre quarantuno milioni di aventi diritto. Nove punti in meno di media rispetto alle regionali del 2005 per un’elezione accompagnata dall’incognita astensionismo.

Quattro le province e 462 comuni in palio. Ma è nelle regionali che la posta in gioco è la più alta. Tredici su venti quelle che rinnovano governatori e giunte. Quattro quelle decisive: Piemonte, Lazio, Liguria e Puglia. Che Silvio Berlusconi – poco prima di mezzogiorno il premier ha votato a Milano – cerca di strappare all’opposizione in un voto dal quale ci si aspetta anche una ridefinizione dei rapporti di forza nel centro-destra dove la Lega Nord avanza. Il PD di Pier Luigi Bersani forte di 11 regioni attualmente del centro-sinistra – cerca di tenere.

Oggi i seggi restano aperti dalle 7 alle quindici. Poi lo spoglio dei voti, si parte dalle regionali.