ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lega araba, occhi su Gerusalemme

Lettura in corso:

Lega araba, occhi su Gerusalemme

Dimensioni di testo Aa Aa

La difesa della parte araba di Gerusalemme ed il destino del processo di pace in Medioriente sono i temi che hanno aperto in Libia il 22esimo summit della Lega araba. Ospiti del presidente di turno Muhammar Geddafi dodici capi stato e autorità arabe. Presenti anche il premier Silvio Berlusconi, unico politico occidentale invitato in qualità di osservatore, e il premier turco
Recep Tayyip Erdogan. Quest’ultimo ha puntato il dito contro la politica israeliana che considera Gerusalemme la capitale dello stato ebraico. “Una follia – ha detto – che avrà come conseguenza l’isolamento di israele”.

La costruzione di nuovi insediamenti ebraici a Gerusalemme est annunciata da Tel Aviv il nove marzo scorso ha causato la nuova battuta d’arresto del processo di pace israelopalestinese.

Uno deterioramento delle relazioni che potrebbe preannunciare la fine dei negoziati secondo il segretario generale della Lega araba Amr Moussa:
“Dobbiamo guardare con attenzione a cio’ che accadrà – ha dichiarato Moussa- il processo di pace potrebbe risolversi in un fallimento totale”.

Durante il summit verrà ufficializzato il varo di un piano di aiuti ai palestinesi di Gerusalemme di circa 400 milioni di euro.