ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pedofilia: Il Papa ancora sotto attacco, accuse e smentite

Lettura in corso:

Pedofilia: Il Papa ancora sotto attacco, accuse e smentite

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Papa sapeva, o no? Il New York Times insiste nelle accuse, e ritiene di avere nuovi elementi che dimostrerebbero che Ratzinger, nel 1980, quand’era cardinale in Baviera, sapeva del trasferimento ad altra parrocchia di un parroco riconosciuto pedofilo, senza che subisse alcun trattamento. Accuse che il Vaticano ha prontamente smentito: Ratzinger non sapeva, ha detto il portavoce vaticano.

Al di là degli attacchi della stampa d’oltre-oceano a Ratzinger, c‘è una crisi di fiducia: “Molte vittime, associazioni di vittime, chiedono trasparenza totale, e lo chioedono anche alcuni teologi ed esperti della Chiesa – riferisce il vaticanista della Reuters -. In particolare in germania e negli USA, ora dicono ‘ripulite ora, tirate fuori tutto ora, altrimenti, se arriva goccia dopo goccia, sarà un’agonia per tutti. E un’agonia per il vaticano”.

Sotto accusa però il Vaticano non sembra esserlo tanto o non solo per i casi di cui si parla in questi giorni – risalgono per la maggior parte a decenni fa e non erano sconosciuti -. Sotto accusa pare essere la politica tradizionale del lavare i panni sporchi in casa propria.

È più o meno quanto contesta anche l’avvocato di un’associazione di vittime:

“Non c‘è nessuna fiducia, nessuna fiducia in un cattolico, o quantomeno nella capacità della cultura clericale di affrontare questo problema. Hanno una storia nota di auto-protezione. Tutte le strade e le responsabilità degli scandali e delle coperture alla fine portano a Roma”

Da tutto il mondo cattolico arrivano parole di difesa del Papa, colpito da accuse che molti ritengono ingiuste: nello stesso tempo, però, la Chiesa sembra aprirsi, e ammettere sempre più apertamente: “non abbiamo rispettato abbastanza le pene delle vittime degli abusi”, ha detto oggi il Vescovo di Fulda, che ha parlato di “pesanti omissioni”.