ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, una dozzina di Stati pronti ad azioni legali contro la riforma sanitaria

Lettura in corso:

Usa, una dozzina di Stati pronti ad azioni legali contro la riforma sanitaria

Dimensioni di testo Aa Aa

Una dozzina di Stati americani hanno deciso di intraprendere azioni legali contro la riforma sanitaria da loro giudicata incostituzionale. Il testo, approvato ieri dalla Camera dei rappresentanti con 219 voti a favore e 212 contro, sarà firmato dal Presidente degli Stati Uniti oggi.

Tra gli stati contrari alla riforma, anche la Florida. “Sei seduto senza fare nulla – ha detto il suo ministro della Giustizia Bill McCollum – e sei obbligato a sottoscrivere una polizza assicurativa sanitaria. Non sei impegnato in alcun commercio di sorta, nessuno, zero. Per la prima volta nella nostra storia proviamo a fare qualcosa del genere ed è questo a essere incostituzionale”.

La stampa americana ha definito il voto “storico” e ha dedicato le prime pagine a quella che è considerata anche una vittoria personale del presidente Obama. Una vittoria che, tuttavia, continua a far discutere.

“Penso che la riforma costerà all’America un sacco di soldi” afferma un americano. “Il disavanzo è astronomico e noi non possiamo permetterci questo”.

“Ho sentito troppa gente dire che ne beneficeranno persone che non lo meritano – commenta una donna – ma non so come si possa dire ciò pensando, per esempio, a una madre che cerca di provvedere da sola ai propri figli. “

Obama si è molto esposto per questa riforma che estende la copertura sanitaria a 32 milioni di americani che ne erano sprovvisti. Centinaia di manifestanti, nei giorni scorsi, hanno detto no alla legge, minacciando un voto sanzione alle legislative di novembre.