ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Reding: "evitare divorzi a discapito del coniuge più debole"

Lettura in corso:

Reding: "evitare divorzi a discapito del coniuge più debole"

Dimensioni di testo Aa Aa

Prima del lancio formale della cooperazione rafforzata sulla questione dei divorzi tra coppie binazionali, Viviane Reding ha spiegato a euronews gli obiettivi della proposta della Commissione.

Viviane Reding, commissario alla Giustizia: “Avranno la possibilità, prima, quando si sposano, o durante il matrimonio, di scegliere il tribunale che applicherà la legge. In caso contrario i tribunali non ammetteranno più che l’elemento più forte della coppia determini una decisione a proprio vantaggio e sarà il luogo abituale di domicilio della coppia ad essere sede del divorzio”.

euronews: Perché lei parla di elemento più forte?

Reding: “Perché ad esempio constatiamo che chi conosce bene il diritto e ha soldi per farlo si recherà in un Paese in cui il divorzio è molto facile e l’altro coniuge e i figli riceveranno la notizia dell’avvenuto divorzio senza che ne siano stati informati, quindi a discapito del più debole. Si è in due a sposarsi dunque si dovrebbe essere in due a divorziare a parità di opportunità”.

E.N.: E cosa succederà?

R: “Per ora l’applichiamo assieme ai 10 Stati membri che vogliono andare avanti. Perché lo facciamo? Non è una procedura abituale. Ebbene lo facciamo perché c‘è una situazione di stallo, è necessaria l’unanimità in queste materie e ci sono dei Paesi che bloccano le decisioni, io voglio andare avanti nell’interesse dei cittadini affinché questi si trovino bene nel grande continente europeo”.