ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia, una nuova Costituzione per allontanarsi dai militari e avvicinarsi all'Ue

Lettura in corso:

Turchia, una nuova Costituzione per allontanarsi dai militari e avvicinarsi all'Ue

Dimensioni di testo Aa Aa

Una nuova Costituzione per affrancare lo Stato dall’influenza dei militari. E per aumentare il tasso di democrazia in modo da aderire ai termini richiesti dall’Unione europea. La Turchia va verso il cambiamento. L’Akp, il partito filo-islamico al governo, si appresta a modificare la carta fondamentale, in vigore dall’inizio degli anni Ottanta, all’indomani del colpo di stato militare.

Il vice-premier Cemil Cicek ha assicurato l’opposizione sul fatto che i cambiamenti sono necessari per proseguire nel negoziato con Bruxelles e che non sono affatto funzionali a rafforzare il potere del suo partito: “Lo scopo di questo cambiamento costituzionale è quello di rafforzare la sovranità del popolo e di estenderla a tutti i campi. Oggi siamo noi al governo, ma domani ci potrebbe essere un altro partito al potere. Quello che non cambia è la volontà del popolo. Non è più possibile avere una Costituzione sotto tutela”.

L’akp ha cominciato una serie di incontri con i partiti di opposizione per illustrare la bozza contenente il pacchetto di emendamenti che riguardano circa 25 articoli della Carta.

In particolare, la riforma mira a ristrutturare l’assetto del sistema giudiziario e prevede inoltre di rendere più difficile la chiusura dei partiti politici.