ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Grecia mette in evidenza le difficoltà dei 27

Lettura in corso:

La Grecia mette in evidenza le difficoltà dei 27

Dimensioni di testo Aa Aa

All’ombra della crisi greca, si consumano le differenze e le diffidenze degli stati membri dell’Unione.

La Germania mantiene la sua linea di rigore nei confronti di Atene ma è a sua volta bacchettata dalla Francia che chiede a Berlino di ridurre l’imposizione fiscale per dare slancio ai consumi.

Così il cancelliere Angela Merkel di fronte al parlamento:

Per il futuro abbiamo bisogno di aggiungere al trattato la possibilità come ultima opzione, di escludere un Paese dalla zona euro se le condizioni non sono rispettate nel lungo periodo. Altrimenti cooperare risulta impossibile.

Il suo ministro delle Finanze, Wolfgang Schauble, l’aveva già detto. Ed è sempre un’idea di Schauble la creazione di un Fondo monetario europeo, che sul modello dell’Fmi, potrebbe venire in aiuto dei paesi in difficoltà.

Ciascuno faccia la sua parte, incalza il ministro dell’Economia francese, Christine Lagarde. Che chiede alla Germania di incoraggiare il consumo interno, abbassando la pressione fiscale.
Fattore che potrebbe aiutare le esportazioni francesi.

Per Bruxelles, le previsioni di bilancio della Germania sono troppo ottimiste e invita Berlino a essere più precisa sulla strategia di Bilancio che permetterà di far tornare i conti.

L’ossessione per l’ortodossia budgetaria di Berlino irrita i partner.
Deficit eccessivi di bilancio sono fattori di disquilibrio. Ma in molti in questi ultimi giorni hanno insistito su altri aspetti.