ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Regionali in Francia: vincono sinistra e astensionismo

Lettura in corso:

Regionali in Francia: vincono sinistra e astensionismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Battuta d’arresto per l’UMP in Francia. Al primo turno delle regionali, il partito del presidente Sarkozy viene scavalcato di circa tre punti dai socialisti, che hanno superato il 29%. Oltre un francese su due non è però andato a votare.

“Tutto è ancora aperto – il commento a caldo del primo ministro François Fillon – gli elettori non sono di proprietà di alcun partito. Domenica prossima starà a loro scegliere una squadra e un progetto per le loro regioni”.

Opposta l’interpretazione dei socialisti, in rimonta di circa 5 punti, rispetto ai risultati delle ultime presidenziali e già col pensiero a quelle del 2012. “I francesi – commenta il segretario Martine Aubrey – hanno votato a larga maggioranza per la sinistra e nettamente posto il Partito socialista alla sua guida. Quanto hanno fatto è stato manifestare il proprio rifiuto per una Francia divisa, angosciata, indebolita. E soprattutto hanno espresso il desiderio di una Francia più giusta e più forte”.

Ottimismo alimentato anche dalle possibili alleanze. Forte soprattutto dell’avanzata degli ecologisti, il centrosinistra supererebbe il 50%.

Improbabile appare invece che il Front National di Jean Marie Le Pen possa far convergere il suo quasi 12% a sostegno dell’UMP.

In attesa del secondo turno di domenica prossima, vincitore indiscusso è l’astensionismo, cresciuto di 16 punti rispetto alle regionali del 2004 fino a superare il 53%.