ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia, il corteo rosso slifa nella capitale

Lettura in corso:

Thailandia, il corteo rosso slifa nella capitale

Dimensioni di testo Aa Aa

Potere al popolo, elezioni e democrazia. Lo chiedono le camicie rosse thailandesi scese in massa per le strade di Bangkok con un ultimatum: sciogliere il Parlamento nel giro di 24 ore, entro le sei di domani ora italiana.

I sostenitori dell’ex premier Shinawatra, attualmente in esilio, contestano l’attuale esecutivo guidato da Vejjajiva con l’appoggio dei militari. Il capo del governo è al potere da un anno dopo il colpo di stato che ha destituito l’ex premier.
Due settimane fa Shinawatra è stato ritenuto colpevole di abuso di potere e conflitto di interessi durante il suo mandato dal 2001 al 2006.
La sentenza ha riacceso gli animi dei suoi sostenitori che hanno deciso la manifestazione dopo l’ulteriore provvedimento di confisca di gran parte del suo patrimonio.

Per le camicie rosse, più di 100 mila in piazza, secondo gli organizzatori, giunte dal nord e dal nord-est del paese, l’ex premier è stato l’unico esponente politico ad aver difeso i loro interessi.

Un anno fa l’ultimo grande corteo si era concluso con scontri e vittime. Per evitare episodi analoghi sono state dispiegate 50 mila forze dell’ordine che hanno piantonato i luoghi ritenuti più a richio.