ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, la storia incredibile di Najlae Lhimer, sembra avere un lieto fine

Lettura in corso:

Francia, la storia incredibile di Najlae Lhimer, sembra avere un lieto fine

Dimensioni di testo Aa Aa

Il 20 febbraio scorso la diciannovenne marocchina era andata in un commissariato francese a denunciare il fratello, a causa delle percosse subite: ma è stata immediatamente espulsa dalla Francia, perche’ non in regola.

Stamani la liceale è atterrata all’aeroporto di Orly, grazie all’intercessione di Sarkozy. “Sono davvero felice – ha detto, accolta dagli applausi degli attivisti -, sono contenta di ritrovare la Francia e i miei amici.”

I fatti si sono svolti in una gendarmeria del dipartimento del Loiret, nel centro- nord dell’Esagono, dove la ragazza viveva col fratello. I gendarmi hanno spiegato che Najlae aveva l’obbligo, dalla fine dello scoso novembre, di lasciare il paese.

“Migliaia di donne oggi hanno paura di sporgere denuncia – ha affermato Sihem Habchi, presidente dell’associazione ‘Ni putes ni soumises’ – perche’ sanno che saranno espulse. Sono molto felice che Najlae sia tornata; questo ci permette di lanciare un messaggio forte.”

Il caso aveva avuto risonanza nell’opinione pubblica, inducendo il presidente in persona, in piena campagna elettorale per le amministrative di domani, ad occuparsi della questione.