ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Armenia, soddisfazione per la mozione svedese

Lettura in corso:

Armenia, soddisfazione per la mozione svedese

Dimensioni di testo Aa Aa

Il massacro degli armeni è ancora un muro invalicabile nel dialogo tra Yerevan e Ankara. Alle proteste della Turchia sulla mozione del Parlamento svedese ha fatto da contrappeso la soddisfazione dell’Armenia.

Arman Kirakosyan – Vice Ministro degli Eesteri: “Il riconoscimento come genocidio e crimine contro l’umanità è molto importante, non solo per gli armeni, ma per l’umanità”.

La notizia è stata accolta con favore da tutta la popolazione armena, come testomoniano alcuni intervistati.

Arthur Aghazhanyan – Economista: “Gli americani hanno riconosciuto la schiavitù in America, i tedeschi l’olocausto in Europa. Allo stesso modo i turchi dovrebbero riconoscere gli atti commessi non da loro, ma dai loro passati dirigenti”.

Il massacro armeno risale al 1915 quando in piena prima guerra mondiale l’etnia fu trucidata e deportata. Dopo il conflitto mondiale fu istituita una corte marziale per giudicare i responsabili, ma fu presto sciolta. Per la Turchia non fu genocidio.