ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Biden da Ramallah: "Israele mina la fiducia necessaria ai negoziati"

Lettura in corso:

Biden da Ramallah: "Israele mina la fiducia necessaria ai negoziati"

Dimensioni di testo Aa Aa

Joe Biden in visita a Ramallah rinnova la condanna del nuovo piano edilizio di Israele. Il vicepresidente americano, dopo l’incidente diplomatico di ieri che ha preceduto la cena con il premier dello Stato ebraico Benyamin Netanyahu, ha oggi incontrato il presidente palestinese Mahmud Abbas. E non è stato tenero.

“Entrambe le parti hanno la responsabilità di costruire un’atmosfera favorevole ai negoziati – ha detto Biden -. La decisione del governo israeliano di promuovere il progetto di nuove unità abitative a Gerusalemme Est ha minato questa fiducia, la fiducia di cui abbiamo bisogno proprio ora per avviare e condurre proficui negoziati”.

Ma per il governo Netanyahu l’ampliamento degli insediamenti è del tutto giustificato, come testimoniano le parole del ministro dell’informazione Yuli Edelstein: “Spero che tutti coloro che vogliono la pace capiscano che per qualunque governo israeliano Gerusalemme è la capitale unita dello Stato d’Israele, una patria straordinaria per ebrei, arabi, uomini di religioni diverse, ma comunque la capitale d’Israele”.

Il progetto prevede 1.600 nuovi alloggi a Ramat Shlomo, quartiere abitato da ebrei ultraortodossi nel settore orientale di Gerusalemme.

La stampa israeliana ha fortemente criticato il tempismo dell’annuncio del piano di ampliamento, capitato in coincidenza con la visita di Biden in Israele e proprio nel momento in cui gli Stati uniti erano riusciti a lanciare negoziati indiretti nel tentativo di riavviare il processo di pace fermo dal dicembre 2008.