ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oscar a The Hurt Locker, il film sugli sminatori della Bigalow. Le reazioni in Iraq

Lettura in corso:

Oscar a The Hurt Locker, il film sugli sminatori della Bigalow. Le reazioni in Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

Che hanno in comune le paillettes della Star Academy di Los Angeles e questi ordigni racconti in Iraq? La risposta è The Hurt Locker, il film con cui la regista statunitense Kathryn Bigelow ha vinto l’Oscar e risvegliato l’orgoglio nei soldati.

Sergente Fernandez: “Prima del film, quando parlavo a qualcuno del mio lavoro dovevo spiegargli che sono un militare, che sono negli sminatori, e in che cosa consiste il mio compito. Ora qualcuno risponde: ‘Ma è come nel film’. E io rispondo: ‘Si, in un certo senso si ‘”.

Sergente Waller: “In fondo si tratta di fiction. Tenuto conto di questo, debbo dire che siamo descritti sotto una luce positiva. Anche se non credo si sarebbe potuto fare meglio”.

Capitano van Elsacker: “Gli sminatori sono di solito persone modeste, ecco perché non li avete visti pavoneggiarsi nei film. Anzi, loro non sono daccordo con l’idea sottesa, che ciascuno di questi ragazzi sia un eroe, per una ragione o un’altra”.

Tra gli altri primati, l’Oscar a Kathryn Bigelow è anche il primo assegnato a una donna.