ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oscar & Razzie: le due facce della vigilia

Lettura in corso:

Oscar & Razzie: le due facce della vigilia

Dimensioni di testo Aa Aa

Tutto pronto per l’ottantaduesima cerimonia degli Oscar. Un conto alla rovescia all’insegna della pioggia, che non ha però spento gli entusiasmi per la sfida al vertice tra il gigante del botteghino “Avatar” e il nano degli incassi “The Hurt Locker”.

Oltre alle 9 candidature a testa, a rendere piccante il confronto tra il duro low budget sull’Iraq e l’avveniristico kolossal in 3D, i trascorsi da coniugi dei registi Kathryn Bigelow e James Cameron.
Possibile sorpresa la new entry “di peso” Gabourey Sidibe, pluripremiata nel cammino verso gli Oscar, che potrebbe guidare la pattuglia di “Precious” alla conquista di ben 6 statuette.

In casa Austria è intanto già festa per Michael Haneke, in pole position tra i film stranieri con il “Nastro bianco”, e Christopher Waltz, superfavorito fra gli attori non protagonisti, per il suo spietato ufficiale nazista in “Bastardi senza gloria” di Tarantino.

Dai Razzie Awards, “le pernacchie d’oro” per i peggiori film della stagione, sono intanto arrivati primi verdetti e paradossi: a incarnarli Sandra Bullock, qui vincitrice per “All About Steve”, ma in corsa anche per gli Oscar che contano, con “The Blind Side”.
Senza appello, invece, il verdetto per “Battlefield Earth” con John Travolta: adattamento di un fantascientifico romanzo targato Ron Hubbard, promosso peggior film del decennio.