ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In Iraq si inizia a votare, sicurezza ai massimi livelli

Lettura in corso:

In Iraq si inizia a votare, sicurezza ai massimi livelli

Dimensioni di testo Aa Aa

Anticipo di voto in Iraq, sotto strette misure di sicurezza. Mentre il Paese si prepara alle legislative di domenica, oggi circa 700.000 tra militari, addetti alla sicurezza, carcerati e pazienti di ospedale hanno iniziato a votare. A partire dall’attuale primo ministro Nouri al-Maliki, sono sei i candidati in lizza per la poltrona di premier, tutti sciiti.

Il voto rappresenta un test per il Paese, a pochi mesi dall’inizio del ritito delle truppe statunitensi. Il futuro governo avrà il compito di consolidare la sicurezza e di rimettere in moto l’economia. Circa 19 milioni i cittadini chiamati a votare. I risultati preliminari del voto saranno resi noti il 18 marzo, ma per quelli definitivi occorrerà attendere fino a fine mese, fa sapere l’Onu.

Ieri tre attentatori suicidi hanno colpito a Baquba, circa 60 chilometri a nord di Baghdad, facendo oltre 30 morti e una sessantina di feriti. Gli attacchi si sono verificati al termine di una campagna elettorale relativamente calma, ma al Qaida ha promesso di fare qualsiasi cosa per impedire il regolare svolgimento del voto.