ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La patata OGM: crescono le polemiche, il giorno dopo l'approvazione

Lettura in corso:

La patata OGM: crescono le polemiche, il giorno dopo l'approvazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Dubbi, polemiche e molti distinguo sulla patata transgenica: ambientalisti e molti Paesi membri contestano il via libera della Commissione europea alla patata Amflora, brevettata dalla BASF. In particolare per la presenza di un gene resistente agli antibiotici. Il gruppo chimico tedesco conta di usare questa patata per produttore carta, grazie all’alto contenuto di amido.

Gli scarti saranno usati per mangimi destinati all’allevamento.

“Greenpeace è contraria a questa patata, inm particolare perché mette a rischio la salute degli esseri umani, degli animali e dell’ambiente, anche perché questo gene presente nella patata e resistente agli antibiotici è assolutamente inutile. Ci sono già sul mercato patate non-OGM, coltivate con metodi tradizionali, che hanno la stessa elevata concentrazione di amido presente nella patata della BASF, e che possono essere usate senza rischi”.

La presenza del gene resistente agli antibiotici potrebbe comportare il rischio che si creino poi batteri resistenti, ma secondo EuropaBio, l’associazione degli industriali agro-biotecnologici, non è così:

“C‘è molta confusione su questo. Il gene NPT2, quello resistente agli antibiotici che si trova in quella patata, dà resistenza solo a classi molto vecchie di antibiotici, che non hanno più un significativo utilizzo per l’uomo. In realtà, quel tipo di gene antibiotico si trova ormai in ogni zolla di terreno, anche in questo stesso giardino”.

Alcuni Paesi, come Italia e Austria, hanno già detto che non autorizzeranno la coltivazione della patata OGM, il cui gene finirà nella catena alimentare perché gli scarti della lavorazione industriale verranno usati per i mangimi animali. Le patate di cui ci cibiamo invece continueranno ad essere prive di OGM.