ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

TPI: Karadzic in aula alla ripresa del processo

Lettura in corso:

TPI: Karadzic in aula alla ripresa del processo

Dimensioni di testo Aa Aa

Radovan Karadzic si è presentato in aula alla ripresa del processo a suo carico al Tribunale Penale Internazionale. E’ la prima volta dopo aver boicottato le prime tre giornate nell’ottobre 2009. L’ex capo dei serbi di Bosnia ha esposto oggi la sua linea difensiva:
 
“Ho servito il mio popolo, non darò la responsabilità a qualcun’altro. Difenderò la nostra nazione e la sua causa che è gista e sacra”.
 
Radovan Karadzic è accusato di crimini di guerra e contro l’umanità e genocidio commessi durante la guerra di Bosnia tra il ’92 e il ’95.
 
“Potrebbe sembrare che l’accusa abbia fatto un accordo con i nostri nemici di guerra, ci piace dire senza scherzare, che il procuratore intende trasformare questo tribunale in una commissione disciplinare della Nato”.
 
Mentre Karadzic esponeva la sua posizione, all’esterno del tribunale le madri di Srebrenica ricordavano al mondo il massacro del luglio ’95 costato la vita a 8 mila mussulmani.
 
“Chiediamo alla corte ha dichiarato una delle madri di Srebrenica che il processo sia il più breve possibile, che non si ripeta il caso Milosevic. Speriamo che Mladic e Goran Hadzic affronteranno la giustizia: sarà la più grande delle vittorie per la giustizia mondiale, la Bosnia Erzegovina, l’Europa, e questo allevierebbe il nostro dolore, il dolore delle vittime”.
 
La guerra di Bosnia fece in totale 100 mila morti e 2 milioni di profughi. Karadzic, 64 anni, è stato arrestato il 25 luglio 2008 dopo quasi 13 anni di latitanza.