ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia, Hannibal in carcere da Goeldi

Lettura in corso:

Libia, Hannibal in carcere da Goeldi

Dimensioni di testo Aa Aa

Tra Berna e Tripoli segnali di distensione. Fa ben sperare per una prossima soluzione della crisi diplomatica la visita in carcere di Hannibal, figlio di Gheddafi, a Max Goeldi. Berna ha presentato domanda di Grazia per il cittadino elvetico detenuto a Tripoli e trattenuto in Libia da 19 mesi. Goeldi venne fermato per ritorsione dopo l’arresto di Hannibal in Svizzera accusato del maltrattamento dei domestici.

“Hannibal dall’inizio ha espresso la propria solidarietà a Max Goeldi- ha detto l’avvocato di Goeldi- Mi ha chiesto piu’ volte di dirgli che gli era vicino “.

In centinaia sono scesi in piazza a Tripoli inneggiando alla guerra santa contro lo Stato svizzero. Nei giorni scorsi lo stesso Gheddafi aveva fatto appello alla “Jihad con tutti i mezzi” contro Berna, colpevole di avere approvato un referendum che impedisce la costruzione di nuovi minareti. La crisi tra i due paesi interessa anche l’ Europa da quando Tripoli ha bloccato l’ingresso in Libia dei cittadini dell’area Schengen.