ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Maltempo in Europa, morti e danni ingenti

Lettura in corso:

Maltempo in Europa, morti e danni ingenti

Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre il Cile trema ancora, una tempesta di vento e acqua sferza l’Europa e uccide almeno cinque persone. Si tratta di una perturbazione di tipo esplosivo, dicono gli esperti, rapida e potente, in grado di provocare gravi danni.

Colpito per primo il Portogallo, dove un bimbo è morto per la caduta di un albero e i venti hanno raggiunto i 140 chilometri orari.

“Stavo preparando il latte per mia figlia”, dice una donna, “quando ho sentito un rumore molto forte, dalla finestra ho visto volare oggetti, è indescrivibile. Sono ancora sotto choc”.

“Abbiamo visto il tetto, la carta volar via”, testimonia un uomo, “era il caos”.

La violenta burrasca, nata nell’Oceano Atlantico, si è spostata velocemente dal Portogallo alla Spagna, dove ora è allarme rosso: almeno tre i morti accertati nel nord del paese, con venti fortissimi in particolare sulle Canarie e la Galizia. Bloccati i trasporti, le vie di comunicazione interrotte.

Dopo la penisola iberica, tocca alla Francia, dove è ancora viva la memoria della tempesta del ’99: 68 dipartimenti sono sul chi vive, con raffiche a 150 chilometri orari e fino a 200 nei Pirenei. Un uomo ha perso la vita per la caduta di un albero.

La perturbazione dovrebbe perdere di intensità durante la giornata di oggi.