ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele nega il coinvolgimento nell'assassinio del leder di Hamas a Dubai

Lettura in corso:

Israele nega il coinvolgimento nell'assassinio del leder di Hamas a Dubai

Dimensioni di testo Aa Aa

Il ministro degli esteri israeliano, da Bruxelles, dove si trovava per una visita da tempo programmata, ha respinto con sarcasmo ogni addebito: “Credo – ha detto ai giornalisti – che abbiate visto troppi film di James Bond. Dovreste vedere altri film, piu’ seri “.

Nelle immagini divulgate, riprese dalle telecamere a circuito chiuso dell’hotel di Dubai, si vede la vittima. E’ Mahmoud Al-Mabhouh, uno dei fondatori del braccio armato di Hamas. E sono presenti anche alcuni dei presunti assassini: secondo la polizia di Dubai, sono agenti dei servizi israeliani, il Mossad, che hanno usato passaporti europei.

“Il fatto che passaporti europei – dice Carl Bildt, ministro degli Esteri svedese – siano stati falsificati o rubati per compiere questo omicidio è del tutto inaccettabile e mette in pericolo la sicurezza dei cittadini dell’Unione”.

Le diplomazie europee hanno espresso, dunque, irritazione e sconcerto per l’uso di passaporti britannici, irlandesi, francesi e tedeschi. Euronews ha parlato con un esperto di studi strategici, Israim Inbar, da Gerusalemme: “Queste critiche – afferma – rivelano una certa ipocrisia. Credo che Israele meriti piu’ comprensione: Hamas è un’organizzazione terroristica che intende distruggere lo Stato ebraico. Hamas è dunque un obbiettivo legittimo di Israele”.

Lunedi’, i ministri degli esteri dell’Unione hanno adottato una dichiarazione ben soppesata, in cui, senza nominare Israele, si critica, nel metodo e nel merito, l’assassinio di Dubai.