ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il congedo maternità fa un passo avanti verso la plenaria dell'europarlamento

Lettura in corso:

Il congedo maternità fa un passo avanti verso la plenaria dell'europarlamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Un periodo di maternità più lungo e meglio retribuito. La proposta di alcuni deputati europei fa un passo avanti grazie all’approvazione da parte della commissione parlamentare per i diritti delle donne.

L’assemblea plenaria ne discuterà a fine marzo. Tra le proposte l’estensione della maternità da 14 a 20 mesi e il diritto a mantenere la stessa retribuzione.

“Credo che sia importante per fare in modo che si possano conciliare vita professionale, familiare e personale”, sostiene la relatrice, Edite Estrela (socialisti e democratici).

Fra i deputati soprattutto i verdi, sostengono l’introduzione di un congedo di paternità, attualmente inesistente nella normativa comunitaria.

“E’ il momento sbagliato, stiamo attraversando la crisi e questa proposta potrebbe avere ripercussioni sulle piccole imprese”, afferma Marina Yannakoudakis, deputata del gruppo conservatori e riformisti, “dobbiamo ricordarci che queste hanno bisogno di flessibilità per essere in grado di funzionare e in questo modo gliela si toglie, si introduce più regolamentazione per società che sono già in difficoltà”.

Secondo dati Ocse la situazione varia da Paese a Paese, dalle 12 settimane di maternità della Svezia alle 63 della Bulgaria.
E questo vale anche per il congedo parentale che permette a entrambi i genitori di astenersi dal lavoro contemporaneamente.

Stesso discorso per il congedo dei papà, che non esiste in tutti i Paesi, e che in base alla proposta degli europarlamentari dovrebbe essere di almeno due settimane e interamente retribuito.