ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Falkland: i Paesi sudamericani appoggiano l'Argentina


Argentina

Falkland: i Paesi sudamericani appoggiano l'Argentina

L’Argentina torna a rivendicare la propria sovranità sulle isole Falkland. Buenos Aires ora avrebbe l’appoggio dei leader sudamericani. A confermarlo è stata la presidente argentina Cristina Fernandez Kirchner durante un summit in Messico.
“L’Argentina non adotterà alcuna misura che non sia all’interno dei limiti posti dalla legge internazionale o dal diritto vigente all’interno della propria giurisdizione e competanza. E saremo molto severi perché l’unica cosa che si può fare con un cannibale è mangiarlo”.

L’Argentina contesta l’esplorazione petrolifera, al largo dell’arcipelago, da parte di una compagnia britannica e parla di attentato alla propria sovranità. L’ipotesi è che nelle acque delle isole, nell’Oceano Atlantico, possano esserci giacimenti per 400 milioni di barili di petrolio.

E i residenti sono preoccupati.

“Vogliamo soltanto essere lasciati soli. Veramente. – dice questa donna – Ok, qui c‘è il petrolio ma non vogliamo che per questo ci sia un altra grande guerra. E’ stupido”.

Le isole Falkland, le Malvinas per gli argentini, sono sotto il controllo britannico dal 1833. Nel 1982 l’Argentina, che ne rivendicava il possesso, le invase. La guerra durò due mesi e costò la vita a un migliaio di persone. Al termine del conflitto i militari di Buenos Aires furono costretti al ritiro.

Prossimo Articolo

mondo

Tre giorni di lutto nazionale per Madeira