ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Neda, accuse di Teheran a Londra

Lettura in corso:

Neda, accuse di Teheran a Londra

Dimensioni di testo Aa Aa

L’assassinio di Neda Agha-Soltan, simbolo della contestazione iraniana al regime di Ahmadinejad e Ali Khamenei, fa ancora discutere. Non è chiaro se la 26 enne studentessa di filosofia, uccisa il 20 giugno scorso, stesse partecipando alle manifestazioni oppure se si trovasse solo per caso nel luogo della protesta.

Intervistato da euronews, il capo del consiglio iraniano dei diritti umani Mohammad Javad-Larijani, afferma:

“Dalle informazioni che abbiamo, il responsabile di questo atto criminale è ora libero in una capitale europea, col pieno sostegno del suo governo. Abbiamo chiesto la sua estradizione in Iran, che è stata rifiutata”.
Il video ha scioccato milioni di persone nei Paesi occidentali…

“E anche in Iran ha scioccato milioni di persone. Chi lo ha girato? Questa è la domanda. Qualcuno è arrivato la sera prima e poi è ripartito il giorno dopo, con il video che aveva girato. Credo che sia la persona-chiave. Conosce tutti i dettagli. E il Regno Unito è responsabile per questo. Dovrebbe interrogare questa persona, che possiede tutte le informazioni”.

Il Foreign Office non ha rilasciato commenti su questa che appare con un’operazione del regime iraniano per distogliere l’attenzione dalle vere responsabilità dell’omicidio. Dalla prima ricostruzione fatta durante le manifestazioni di giugno, Neda Agha-Soltan è stata uccisa o da un miliziano basiji o da un cecchino appostato su un tetto.

La protesta contro le elezioni presidenziali truccate che hanno confermato al potere Mahmud Ahmadinejad continua.