ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dubai, l'omicidio del leader di Hamas scuote l'Europa

Lettura in corso:

Dubai, l'omicidio del leader di Hamas scuote l'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Undici persone sono ricercate a livello internazionale. L’Interpol ha emesso altrettanti “avvisi di ricerca” per i componenti del commando sospettato di aver ucciso il leader di Hamas Al-Mabhouh, il mese scorso a Dubai. Il giallo dell’omicidio si concentra sull’identità dei membri. Gli autori del delitto si sarebbero appropriati delle generalità di undici cittadini europei. Le indagini dovranno stabilire che tipo di legame esiste con il Mossad, i servizi segreti di Israele, considerato dalle autorità dell’Emirato arabo, il responsabile del delitto. L’inchiesta ha mobilitato l’Europa. Tra i nomi figurano sei britannici, Londra ha chiesto chiarimenti all’ambasciatore israeliano, ma dall’incontro non è trapelato nulla, il diplomatico ha preferito non rilasciare dichiarazioni.
Tre passaporti risultano appartenenti a cittadini irlandesi. Anche Dublino ha invitato l’ambasciatore israeliano a dare spiegazioni.

Il ministro degli esteri irlandese ha fatto il punto sulle indagini:
“Sappiamo che due dei tre che abbiamo contattato viaggiano regolarmente e di fatto uno di loro sarebbe dovuto arrivare questo fine settimana, e avrebbe potuto benissimo essere arrestato a causa delle informazioni arrivate da Dubai”.

Il caso ha scosso anche Francia e Germania, ci sono, infatti, un passaporto francese e uno tedesco. L’Austria ha aperto un’inchiesta sul presunto utilizzo – da parte del commando – di carte SIM e numeri di cellulari austriaci. Per Hamas Al-Mabhouh è morto da martire. Il gruppo estremista palestinese ha promesso vendetta.