ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tragedia ferroviaria in Belgio: una delle peggiori d'Europa

Lettura in corso:

Tragedia ferroviaria in Belgio: una delle peggiori d'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Incidenti ferroviari come quello di Hal, in Belgio, sono rari in Europa.

Il più serio, in termini di vite umane, 12 anni fa in Germania. Un ICE, Intercity Express, l’equivalente tedesco del Tgv francese, si schiantò contro un pilone vicino a Eschede, nel nord del paese. 101 persone rimasero uccise, 88 ferite gravemente.

L’incidente fu causato da un difetto delle ruote monoblocco allora utilizzate. L’alta velocità e imperfezioni portarono alla rottura di una ruota e al deragliamento del treno.

Sedici mesi dopo, 31 persone rimasero uccise e 227 ferite in Gran Bretagna, nell’incidente ferroviario di Ladbroke Grove, vicino a Londra. Due treni si scontrarono alla velocità combinata di 210 km orari. Uno dei macchinisti non rispettò un semaforo. Le indagini rivelarono che uno dei conducenti aveva 13 giorni di anzianità e che non aveva ricevuto la formazione necessaria.

Quattro anni fa, nuovamente in Germania si è trasformato in tragedia il collaudo di un treno superveloce a levitazione magnetica, il Transrapid. A bordo, passeggeri volontari. Il locomotore, lanciato a 200 km orari, ha travolto una piattaforma mobile sistemata sul percorso. Il bilancio fu di 23 morti e dieci feriti.