ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il cinema spagnolo si autocelebra: 8 premi Goya al thriller "Celda 211".

Lettura in corso:

Il cinema spagnolo si autocelebra: 8 premi Goya al thriller "Celda 211".

Dimensioni di testo Aa Aa

Otto Goya in un colpo solo.
Il thriller “Celda 211” del regista Daniel Monzon è stato il grande vincitore della cerimonia di attribuzione dei premi Goya distribuiti ogni anno ai migliori prodotti della cinematografia iberica.

Luis Tozar protagonista di questa pellicola girata all’interno di una prigione in rivolta ha ricevuto il premio per il migliore attore mentre Monzon quello della migliore regia.

Il grande perdente della serata è stato il regista Alejandro Amenabar. Il suo ultimo film “Agora” che in Italia non dovrebbe uscire per l’opposizione della destra cattolica ha raccolto solo premi tecnici.
Il Goya per la migliore attrice è andato a Lola Duenas protagonista di “Yo Tambien”.

Soddisfazione anche per “El secreto de sus ojos” che ha vinto il Goya per il miglior film ispanoamericano.

Torna a casa a mani vuote invece Penelope Cruz in corsa per il Goya della migliore attrice per il suo ruolo in “Abbracci Spezzati” il film del suo amico Pedro Almodovar che dopo anni di boicottaggio si è riconciliato con gli organizzatori della cerimonia e ha distribuito sorrisi al fianco del suo collega il presidente dell’Accademia Alex de la Iglesia