ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Milano, egiziano ucciso. Quattro fermi dopo la rivolta

Lettura in corso:

Milano, egiziano ucciso. Quattro fermi dopo la rivolta

Dimensioni di testo Aa Aa

Un futile motivo all’origine dell’omicidio del giovane egiziano ucciso ieri a Milano, nella zona di via Padova. Al diciannovenne sarebbe stato pestato un piede sull’autobus da un sudamericano. Sono seguiti scontri e disordini tra gruppi di immigrati. Quattro cittadini egiziani sono stati fermati per le devastazioni a danno di auto e negozi di proprietà di sudamericani.
Il ministro La Russa chiede massimo rigore contro la clandestinità .
Questa mattina nella zona, presidiata dalle forze dell’ordine, è tornata la calma, mentre la squadra mobile di Milano continua a indagare sul delitto. Trentasette nordafricani sono stati accompagnati negli uffici di via Fatebenefratelli, dieci risultano irregolari.
L’episodio ha scatenato dure polemiche tra maggioranza e opposizione. Per il PD si tratta di un fallimento della politica di integrazione e sicurezza del governo. La lega ribadisce “tolleranza zero”.