ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Timoschenko attacca Ianukovich e rifiuta di dimettersi

Lettura in corso:

La Timoschenko attacca Ianukovich e rifiuta di dimettersi

Dimensioni di testo Aa Aa

Iulia Timoschenko rompe un silenzio di tre giorni per attacare Yanukovich e ribadire il suo “no” alle dimissioni. Il premier ucraino ha fatto la sua prima apparizione in pubblico dopo la sconfitta al ballottaggio presidenziale di domenica di cui rifiuta l’esito. “Ieri il Parlamento ha votato il progetto di legge proposto da Yanukovich in merito alle norme di carattere sociale, pubblicizzato in campagna elettorale – ha detto la Timoschenko. Dopo le elezioni, Yanukovich e i suoi fedeli hanno dato solo due voti al loro stesso progetto”.

Il riferimento è a un testo votato dal Parlamento su salari e pensioni, non passato a causa del mancato sostegno dello stesso partito del leader filo-russo. Ieri la Commissione elettorale ha confermato la vittoria a Yanukovich, con uno scarto superiore al 3 percento. Yanukovich ha chiesto le dimissioni della Timoschenko. Che però rifiuta di rassegnarle in modo volontario e si prepara all’azione legale per cercare di invalidare il voto.

La vittoria di Yanukovich riporta l’ex Repubblica sovietica nell’orbita di Mosca, cinque anni dopo la Rivoluzione Arancione. La disputa post-elettorale accresce incertezza e instabilità nel Paese. Quasi 60 milioni di abitanti attendono l’ulteriore sostegno del Fondo Monetario Internazionale, che lo scorso hanno ha interrotto il flusso di aiuti a causa del mancato rispetto degli impegni richiesti a Kiev.