ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Re del pop. Il dottore si dichiara non colpevole

Lettura in corso:

Re del pop. Il dottore si dichiara non colpevole

Dimensioni di testo Aa Aa

Il medico di Michael Jackson si dichiara non colpevole nel processo che lo vede accusato di aver involontariamente causato la morte del cantante. Il dottor Conrad Murray è sotto processo per omicidio colposo a Los Angeles per aver somministrato una dose di anestetico che è stata fatale alla pop star.

Diversi membri della famiglia Jackson, che è stata la prima a parlare di omicidio, hanno assistito all’udienza. Fra loro il padre della vittima, Joe:

“Non sono soddisfatto e chiedo ai fan di appoggiarmi perché questa non è giustizia, perché mio figlio è stato assassinato”.

E in effetti gli ammiratori di Michael Jackson si sono fatti trovare all’appuntamento, ma per l’esperto legale Stan Goldman, per tutti quelli che vogliono che il medico sia condannato l’accusa di omicidio colposo è più efficace:

“Se lo avessero accusato di omicidio volontario credo che la difesa avrebbe avuto buoni argomenti, perché il comportamento di Murray non giustifica un’accusa di tale gravità”.

Sullo sfondo ci sono anche questioni di soldi, con la ripartizione dei costi per l’annnullammento del tour mondiale che Michael Jackson stava per intraprendere.