ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Opel licenzia ma chiede soldi all'Europa

Lettura in corso:

Opel licenzia ma chiede soldi all'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Opel taglierà 8300 posti di lavoro in Europa. Il piano di ristrutturazione è stato presentato in conferenza stampa a Francoforte dal numero uno Nick Reilly. Malgrado i tagli occupazionali, il progetto di risanamento messo a punto dalla casa madre General Motors prevede aiuti pubblici per 2,7 miliardi di euro dai paesi europei, un miliardo e mezzo dalla sola Germania che dovrà sopportare anche circa la metà dei licenziamenti.

Secondo il top manager entro il 2014, per rilanciare il marchio, sono previsti 11 miardi di euro di investimenti, con il rinnovo di 8 modelli su 10.

Opel era stata al centro di una soap opera industrial-commerciale, con la casa madre GM che aveva intrapreso lunghe trattative con il governo tedesco per la cessione del marchio per poi rinunciare a sorpresa alla vendita, procedendo autonomamente alla ristrutturazione delle attività europee della società.