ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Riemerge l'accusa di genocidio per Bashir

Lettura in corso:

Riemerge l'accusa di genocidio per Bashir

Dimensioni di testo Aa Aa

Il presidente sudanese Omar al Bashir potrebbe essere accusato di genocidio per la guerra del Darfur. Già scagionato da quest’accusa quando gli erano stati notificati 7 capi d’imputazione per crimini di guerra e contro l’umanità, il capo dello Stato vedrà probabilmente aggravarsi la sua posizione davanti al tribunale penale internazionale.

La sezione d’appello della Corte dell’Aja, infatti, ha deciso di rivedere la pronuncia di primo grado che aveva escluso l’accusa di genocidio.

Una decisione che potrebbe ulteriormente aggravare la posizione di Bashir nei confronti della comunità internazionale.

Il conflitto del Darfur, regione occidentale del Sudan al confine con il Ciad, è durato 6 anni, ha provocato 300mila morti e ha lasciato circa 5 milioni di abitanti completamente dipendenti dagli aiuti internazionali. Il governo sudanese è accusato di avere appoggiato una delle parti in guerra.

L’inchiesta delle Nazioni Unite sul Darfur è stata lanciata nel 2005: Omar al Bashir sostiene che si tratti di un complotto internazionale contro di lui e il suo governo ha rifiutato qualsiasi forma di collaborazione.