ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oscar: 9 nomination per Avatar di Cameron e The Hurt Locker della Bigelow

Lettura in corso:

Oscar: 9 nomination per Avatar di Cameron e The Hurt Locker della Bigelow

Dimensioni di testo Aa Aa

Il film che ha già battuto tutti i record non mancherà alla cerimonia degli Oscar, il prossimo 7 marzo. Avatar di James Cameron ha incassato nove nomination, fra qui quella per il miglior film e il miglior regista. Il mega affresco fantascientifico in 3D prosegue così nella storia d’amore con il pubblico, mentre non conquista la critica.

Ironia del destino, i professionisti gli preferiscono The Hurt Locker dell’ex moglie di Cameron, Kathryn Bidgelow. Che, guarda caso, concorrerà anche lei con nove candidature, tra cui – ça va sans dire – per il miglior film e il miglior regista.

Davide contro Golia: il kolossal che si è aggiudicato due Golden Globe, dal budget che sfiora il mezzo miliardo di dollari e che ne ha già incassati quasi due miliardi, potrebbe essere beffato dalla microproduzione dell’ex consorte. O dai Bastardi senza Gloria di Quentin Tarantino.

Entrambi si sono già portati a casa i premi di sindacati, attori, produttori e registi.
La pellicola di Tarantino concorre in otto categorie, fra cui miglior regista.

Fra gli altri film e registi candidati, Tra le nuvole di Jason Reitman e Precious di Lee Daniels.

Fra le attrici protagoniste, favorite Sandra Bullock per “The Blind Side”, già premiata ai Golden Globe, la grandissima Meryl Streep, che con questa candidatura per Julie & Julia diventa la più nominata della storia, e la Helen Mirren di The Last Station.

Tris d’assi anche fra gli attori, con Jeff Bridges, altro felice possessore di Golden Globe, per Crazy Heart, che contende l’Oscar al George Clooney di Tra le nuvole e a Morgan Freeman per Invictus. In lizza anche Colin Firth e Jeremy Renner.

E per finire, due posti d’onore per l’Europa nella categoria miglior film straniero.
La Germania corre con Il nastro Bianco di Michael Haneke, Palma d’Oro 2009 à Cannes.

E un altro premiato a Cannes, per il Grand Prix du Jury, è il concorrente francese Il profeta di Jacques Audiard. In gara ci sono anche Argentina, Israele e Perù.

Tre nomination per l’Italia: Il Divo per il makeup, Mario Fiore per la fotografia di Avatar e Alessandro Camon, sceneggiatore di The Messenger.