ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Romania: Ue e Fmi riaprono i cordoni della borsa

Lettura in corso:

Romania: Ue e Fmi riaprono i cordoni della borsa

Dimensioni di testo Aa Aa

Unione europea e Fondo monetario riaprono i cordoni della borsa per la Romania.

Entro marzo verranno sbloccati oltre 2 miliardi di euro dall’Fmi e un miliardo da Bruxelles.

La primavera scorsa le due istituzioni internazionali avevano accordato alla Romania 20 miliardi di euro per far fronte alla severa recessione.

I versamenti sono stati sospesi a novembre in seguito alla crisi politica.

Il capo della missione del Fmi, Jeffrey Franks:

“Il deficit deve essere inferiore al 5,9% del Pil per il 2010. È questo il passo fondamentale per il consolidamento della Romania. È stata la misura chiave che ha fatto sì che Fondo monetario e Unione europea riaprissero le linee del credito.

La finaziaria d’austerità, adottata dal nuovo governo in carica, guidato Emil Boc, (che prevede la riduzione del deficit di 1,6 punti percentuali) ha ricevuto il plauso internazionale.

L’eurodeputata rumena, Ramona Manescu:

“Sin dall’inizio il governo ha preso decisioni sbagliate e ha negoziato malamente le condizioni del prestito con il Fondo monetario. A causa della politica del Fondo la pressione maggiore è tutta sui cittadini e in un momento di crisi non è proprio una buona idea”.

Molti economisti rumeni si dicono prudenti, per rispettare gli impegni internazionali Bucarest deve riformare il sistema delle pensioni e gli stipendi della funzione pubblica.