ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Davos: si apre il Forum dei quarant'anni, banche sotto i riflettori

Lettura in corso:

Davos: si apre il Forum dei quarant'anni, banche sotto i riflettori

Dimensioni di testo Aa Aa

Quarant’anni sono l’età giusta per riflettere, e Davos non fa eccezione: il forum economico mondiale li ha compiuti oggi, proprio mentre il mondo esce a fatica dalla più grave crisi del periodo.
È un forum ambizioso, con l’intenzione dichiarata di “cambiare il mondo”: al centro dell’attenzione le banche, settore nel quale c‘è da cambiare molto anche secondo il presidente francese Nicolas Sarkozy, cui è stato affidato il discorso d’apertura:

“Se non modifichiamo le regole del settore bancario, se non cambiamo le disposizioni prudenziali, se non correggiamo le regole contabili – e questa non è esclusiva dei tecnici – dove vogliamo portare il nostro capitalismo?”

Sulle banche è severa anche la posizione del ministro dell’economia italiano, Giulio Tremonti, presente a Davos e critico su eventuali auto-regolamentazioni del settore bancario: secondo il ministro, devono essere i governi a scrivere le regole, sotto forma di un nuovo trattato. Il presidente americano, Barack Obama, ha annunciato di voler imporre nuovi limiti alle banche, suscitando il timore che regole adottate unilateralmente finiscano per favorire le banche americane a discapito di quelle europee.